1. Egli dorme nell’anima mia ed a volte, si sveglia di notte e gioca con i miei sogni…

    — Pessoa (via k-ur-o)

    (Fonte: hanamiblack)

  2. Oh! Potessi salire-
    Dai fiori di palude
    Fino a quella nuvola

    — Kobayashi Issa (via natapolla)

  3. Dal mio corpo in putrefazione cresceranno dei fiori e io sarò dentro di loro: questa è l’eternità.

    — Edvard Munch (via gattofila)

  4. "Quindi l’ali sicure all’aria porgo
né temo intoppo di cristallo o vetro:
ma fendo i cieli, e a l’infinito m’ergo.
E mentre dal mio globo a l’altri sorgo,
e per l’etereo campo oltre penétro
quel ch’altri lungi vede, lascio a tergo.”

Giordano Bruno
In DE L’INFINITO, UNIVERSO E MONDI

    "Quindi l’ali sicure all’aria porgo
    né temo intoppo di cristallo o vetro:
    ma fendo i cieli, e a l’infinito m’ergo.
    E mentre dal mio globo a l’altri sorgo,
    e per l’etereo campo oltre penétro
    quel ch’altri lungi vede, lascio a tergo.”

    Giordano Bruno
    In DE L’INFINITO, UNIVERSO E MONDI

  5. Come la Primavera
    potrebbe rendere verde
    un sasso arido e duro?
    Diventa dunque umile terra
    perché da te fiorisca variopinto il fiore.

    — Jalâl ad-Dîn Rûmî (via natapolla)

  6. "Avresti creduto che fossero svegli invece dormivano. Gli giravano sul lato destro e su quello sinistro, mentre il loro cane era sulla soglia, le zampe distese. Se li avessi scorti saresti certamente fuggito volgendo le spalle e certo saresti stato preso dal terrore vedendoli"

    "Avresti creduto che fossero svegli invece dormivano. Gli giravano sul lato destro e su quello sinistro, mentre il loro cane era sulla soglia, le zampe distese. Se li avessi scorti saresti certamente fuggito volgendo le spalle e certo saresti stato preso dal terrore vedendoli"

  7. "Io non scelgo mai cosa comporre, seguo l’ispirazione "
GUSTAV MAHLER

    "Io non scelgo mai cosa comporre, seguo l’ispirazione "
    GUSTAV MAHLER

  8. CONSIDERAZIONI INATTUALI
    “Dov’è andato a finire tutto quel riflettere su questioni morali, che, pure, in ogni tempo ha occupato ogni società nobile ed evoluta? Non vi sono più celebrità e un riflettere a quel modo; effettivamente si consuma il capitale di moralità ereditato, accumulato dai nostri antenati, che noi non sappiamo più aumentare ma solo dissipare; (…)

  9. Prolungamento di un bacio
    Ieri ti ho baciato sulle labbra.
    Ti ho baciato sulle labbra.Intense,
    rosse.Un bacio così corto
    durato più di un lampo,
    di un miracolo,più ancora.
    Il tempo
    dopo averti baciato
    non valeva più a nulla
    ormai,a nulla
    era valso prima.
    Nel bacio il suo inizio e la sua fine.
    Oggi sto baciando un bacio;
    non solo con le mie labbra.
    Le poso
    non sulla bocca,no,non più
    -dov’è fuggita?-
    Le poso
    sul bacio che ieri ti ho dato,
    sulle bocche unite
    dal bacio che hanno baciato.
    E dura questo bacio
    più del silenzio,della luce.
    Perché io non bacio ora
    né una carne né una bocca,
    che scappa,che mi sfugge.
    No.
    Ti sto baciando più lontano.

    — Pedro Salinas (via natapolla)

  10. “Cuore, se un ignorante ti dice che l’anima, come il corpo, è mortale, rispondi che anche il fiore muore, ma i semi rimangono.” 
KAHLIL GIBRAN

    “Cuore, se un ignorante ti dice che l’anima, come il corpo, è mortale, rispondi che anche il fiore muore, ma i semi rimangono.”
    KAHLIL GIBRAN

  11. "Sul piano della fede, quanti cristiani sanno che forse le più belle parole che si possano leggere sulla Vergine Maria si trovano nell’Islam, nella Surat Mariam, la Sura 22? Ma chi lo sa? "
Moni Ovadia

Foto: Processione della Vergine della Rugiada a Malaga. 
.

    "Sul piano della fede, quanti cristiani sanno che forse le più belle parole che si possano leggere sulla Vergine Maria si trovano nell’Islam, nella Surat Mariam, la Sura 22? Ma chi lo sa? "
    Moni Ovadia

    Foto: Processione della Vergine della Rugiada a Malaga.
    .

  12. needforcolor:

    (Enigma: io sono la mancanza – la mancanza che sono
    - sono ciò da cui manco – sono tutta mancanza – e non
    c’è nostalgia – neppure lontananza – essendo ciò che
    manca – adesso e sempre – io)

    Mariangela Gualtieri